Festa di San Giusto a Trieste

Feast of St. Giusto in Trieste in 2021 | Office Holidays

La Festa di San Giusto è un giorno festivo regionale nella città italiana di Trieste il 2 novembre di ogni anno.

San Giusto (San Giusto di Trieste) è il patrono di questa città italiana nord-orientale.
I romani hanno molto di cui rispondere quando si tratta dei nostri calendari. Oltre a governanti come Giulio Cesare e Augusto che litigavano e armeggiavano con la lunghezza dei mesi, anche altri imperatori stavano inavvertitamente creando molte future festività pubbliche.

San Giusto di Trieste - martyr | Italy On This Day

Alla fine del III secolo, gli imperatori romani iniziarono a prendere una linea dura contro i cristiani. Considerati in precedenza come una setta innocua, iniziarono a perseguitare e giustiziare coloro che non avrebbero rinunciato alla loro fede.

Molti di questi primi martiri cristiani sarebbero stati fatti santi, con città e villaggi in tutta Europa che commemoravano i loro santi preferiti o patroni con feste nei giorni festivi.

La festa di San Giusto ne è un esempio. Durante il regno dell’imperatore Diocleziano (284 – 305 dC), Giusto viveva vicino a Trieste e si era convertito al cristianesimo. Era noto per la sua penitenza e carità e la maggior parte dei cittadini conosceva e non si curava della strana fede di Justus. Nonostante la sua buona reputazione, o forse perché alcuni ne erano gelosi, fu denunciato alle autorità romane e accusato di sacrilegium (malvagità).

L’imperatore aveva ordinato che tutti i cristiani facessero sacrifici agli dei, e chiunque non avesse obbedito sarebbe stato messo a morte.

Il governatore locale Mannacio convocò Giusto e gli chiese di fare sacrifici agli dei romani pagani, ma si rifiutò di farlo. Mannacio fece frustare e mandare in prigione Justus per riflettere sulla sua scelta.

Quando gli è stato chiesto di nuovo di sottomettersi agli dei romani, Justus ha detto che era felice di essere un suddito fedele dell’imperatore, ma che la sua religione non gli avrebbe permesso di cambiare idea e onorare gli dei non cristiani.

Questo rifiuto di obbedire portò Giusto a essere condannato a morte per annegamento. Per ordine di Mannacio, il 2 novembre 293 dC, fu preso e gettato nel Golfo di Trieste, con pesi legati alle braccia e alle gambe, che lo avrebbero trascinato in fondo al mare.

Non sappiamo che età avesse Justus quando è morto. È sempre raffigurato come un giovane, ma quando le sue ossa sono state esaminate nel 1985, hanno indicato che era probabilmente più di mezza età.

La notte dopo la morte di Justus, un altro cristiano fece un sogno in cui il corpo di Justus era stato portato a riva nonostante i pesi intorno alle sue mani e ai suoi piedi. Quando un gruppo di cristiani andò a cercare il suo corpo, trovarono il corpo che si era arenato e le funi che lo legavano si erano miracolosamente slacciate. Fu sepolto vicino alla riva. Poche centinaia di anni dopo, nel V secolo, il suo corpo fu trasferito su una collina, dove fu poi costruita una Basilica cristiana in suo onore.

La sua festa è il 2 novembre, la data tradizionale del suo martirio, ma è anche il giorno dei morti, quindi la Chiesa cattolica spesso celebra la sua festa il 3 novembre.